« Ci avviciniamo al natale..... | Principale | Italia ricattata dagli scioperi.... »

Commenti

Feed Puoi seguire questa conversazione iscrivendoti al feed dei commenti a questo post.

il_sogno

A me sembra che, in questi ultimi anni, i principali sindacati nazionali siano diventati piu' deboli in generale nel tutelare il lavoro:
sopratutto del lavoro di chi e' piu' giovane:
e per cui anche piu' esposto al precariato.

Purtroppo, ad oggi, il lavoratore, per interfacciarsi con
l'azienda, ha solo lo strumento del sindacato e, se questo non fa a sufficienza il proprio dovere, non ha altre alternative se non fondare un sindacato piu' piccolo nella speranza che abbia la perseveranza di
osservare tutta la burocrazia in merito e di avere i necessari voti: e , per cui, cosi' molti desistono.

Come risolvere il problema:
- primaditutto una coscienza che parta primaditutto
da noi stessi:

- poi quella di sensibilizzare anche gli altri nella speranza di convincerli.

UMI

>Ma in Italia si fanno FIN TROPPE LEGGI E REGOLAMENTI, il problema è la loro applicazione

Le troppe leggi e regolamenti, che poi sarebbero burocrazia, non sono fatte ne per essere rispettate ne per essere violate, la tanta burocrazia serve solo per creare posti di lavoro dove nessuno lavora perché occupati da parassiti, quelli che oggi proliferano a sbafo e sulle spalle di chi lavora e muore per vivere, ma ci vogliamo proprio incazzare :)

I commenti per questa nota sono chiusi.

nonuke

L'universo blog

La mia foto

marzo 2014

lun mar mer gio ven sab dom
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31            

Il lampo

Avvertenze

  • Creative Commons License
    Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.
  • Per quanto riguarda la privacy...
    Questo blog non gestisce dati di nessun tipo e non raccoglie ed inserisce vostri dati in nessuna banca dati. Comunque mandare una Email per avere qualsiasi informazione
  • I vostri commenti..
    Devono essere rispettosi delle opinioni altrui e non andare contro la legge nè offendere nessuno. Ogni abuso verrà segnalato alle autorità competenti, come ogni tentativo di diffamazione di terze persone. Verranno respinti i commenti che non seguono questi criteri. Ognuno è il solo responsabile di quello che scrive, civilmente e penalmente e scarica da ogni responsabilità il titolare del blog il quale comunque appena possibile eliminerà tutti i commenti giudicati contrari alle normative vigenti. Purtroppo sono stato costretto da ripetuti commenti diffamatori verso terze persone ad attivare la moderazione degli annunci. Avrei preferito non farlo, ma non posso correre il rischio di accorgermi dopo parecchio tempo di un commento a rischio diffamazione. Per il resto si accettano di buon grado opinioni divergenti, anzi opinioni diverse aiutano a capire meglio la realtà che ci circonda. Aspettiamo quindi un vostro contributo anche critico... basta argomentare le critiche e siete ben accetti!! Non spammate prego (ovvero non speditemi una valanga di commenti uguali o quasi) altrimenti i vostri commenti saranno tolti (e non lamentatevi poi....) Bisogna sapere usufruire nella maniera giusta della libertà di espressione!!
  • questo sito non è...
    Un periodico giornalistico o una agenzia di stampa. Neanche un luogo dove si commercia o si fanno operazioni economiche. Talvolta il Blog si interessa a titolo meramente didattico e divulgativo di arte, musica o altre forme artistiche di comunicazione, senza alcun lucrarci alcunchè. In questo caso, eventuali fotografie o altro materiale esemplificativo, video, musica o altro, se protetto dai diritti d'autore, o verrà solamente linkato ad altro sito o riprodotto a bassa risoluzione.(secondo quanto prevede la nuova legge sui diritti d'autore). Foto e disegni o sono di produzione propria o sono tratti tra quelli liberamente disponibili in rete. In caso aveste reclami in proposito potete comunicarceli. Agiremo di conseguenza. Chi volesse utilizzare testi, foto o qualsiasi altra cosa tratta dal blog, lo può liberamente fare, con l'unica accortezza di citare la fonte. Griazie della cortese attenzione che ci avete dedicato!
Blog powered by Typepad
Iscritto da 08/2006